LA MIGLIOR BIRRA ITALIANA DEL 2014

È una barley wine la birra italiana più buona del 2014 secondo CIBA, concorso indetto dall’Associazione Degustatori Birra.

L’ambito premio destinato ai birrai va per la seconda volta consecutiva al birrificio piacentino Retorto, già incoronato l’anno scorso grazie alla sua belgian strong aleBlack Lullaby. Quest’anno vince a furor di popolo con l’eccellente Malalingua.

La birra in questione è fatta nel poco consueto stile delle barley wine, tipologia di origini inglesi chiamata “vino d’orzo” perché a tutti gli effetti si avvicina per fattura al vino, arrivando a sfiorare a volte i 12 gradi alcolici. Ed è una delle poche birre, quasi sempre di pronta beva, a prestarsi con successo all’invecchiamento.

Il luminare della birra Michael Jackson indica il 1903 come anno in cui per la prima volta si è parlato di barley wine, uno stile di produzione della birra poco prodotto e difficilmente destinato al consumo di massa che ha diversi tratti in comune con altri stili inglesi come pale alebitter.  Tutti e tre presentano una ricetta di malti piuttosto basilari, in prevalenza pale, da cui si ottiene una grande quantità di estratto; nel caso del barley wine vengono effettuati, in più, diversi innesti di lievito e una variegata mistione di luppoli nel dry hopping.

Il birrificio Retorto ha fatto sua con enorme successo questa inconsueta tradizione britannica attraverso una birra eccezionale destinata a mutare negli anni se lasciata chiusa in bottiglia. Anche il packaging ne fa un articolo assolutamente da collezione, che non sfigurerebbe in cantina accanto a grandi bottiglie di vino.










Drumhor consolida l’amicizia con lo Chef Davide Oldani

,
venerdì, 16 Dicembre 2022




La coppia Fedez + J-AX colpisce al cuore di Milano con "Love-Mi"

martedì, 28 Giugno 2022




Dallara, il nuovo trust per stringere famiglia e territorio

,
giovedì, 20 Gennaio 2022




La Dott.ssa Alessandra Pessotto è l'esperta della pelle per Recare

venerdì, 11 Febbraio 2022







Laura Fontanot, tra le donne più influenti secondo Forbes

,
venerdì, 15 Luglio 2022