Il giro del mondo attraverso gli scatti firmati Pino Settanni

Volete esplorare il mondo senza superare i confini dell’Italia? Potete farlo grazie alla mostra di uno dei grandi fotografi italiani degli ultimi quarant’anni: Pino Settanni. Viaggi nel quotidiano – Dal cinema alla realtà 1966-2005.  La rassegna, visitabile dal 28 marzo al 28 maggio presso il Teatro dei Dioscuri al Quirinale di Roma, è organizzata da Istituto Luce-Cinecittà a sette anni dalla scomparsa di Pino Settanni ed è curata da Monique Settanni, Gabriele D’Autilia ed Enrico Menduni.

Tramite oltre 80 scatti realizzati dal bianco e nero degli anni Sessanta ai colori digitali del Duemila, Pino Settanni. Viaggi nel quotidiano – Dal cinema alla realtà 1966-2005 sottopone all’attenzione dei visitatori il valore straordinariamente elevato della fotografia italiana contemporanea e la versatilità del suo lavoro, caratterizzato da vivacità, energia e anche eccentricità.

Le immagini attraversano territori diversi che si possono definire il “Sud del Mondo” (il Mezzogiorno d’Italia, i Balcani e l’Afghanistan) e un arco temporale di un quarantennio (dal 1966 al 2005) che rendono la mostra attualissima.

Seguendo l’ordine cronologico delle foto, il percorso parte idealmente con la sezione Sud 1966-1980. Settanni nasce nel 1949 a Grottaglie, vicino Taranto. Qui, ancora ragazzo inizia i suoi scatti. I primi piani dei ragazzini, le geometrie corali delle piazze e anche solamente una porta di calcio sul mare, impressi in un bianco e nero espressivo, raccontano il legame dell’autore con il cinema e con la sua terra.

In Balcani 1998-2003, realizzato visitando Sarajevo, Mostar, il Kosovo, l’Albania, il reporter mostra un ponte distrutto, palazzi crivellati dai proiettili e paesaggi ammutoliti, simili a quelli del sud italiano degli anni Sessanta. Grazie alla posa, alla composizione e al colore, restituisce umanità ai suoi soggetti. Fuori dal realismo e dall’inchiesta, le sue foto cercano estetica e trovano la vita segreta delle persone.

In Afghanistan 2002-2005, le protagoniste sono le donne. Donne nascoste dai burqa, dai lavori estenuanti e dall’indifferenza degli uomini. I soggetti sono privi di sguardo. Settanni si concentra anche sui colori vivacissimi, sui tessuti e sulle geometrie.

Pino Settanni. Viaggi nel quotidiano – Dal cinema alla realtà 1966-2005 è tra le mostre da non perdere assolutamente perché parla all’oggi con visionaria bellezza.




All'Eurovision Contest 2021 Senhit styled by SIMONE GUIDARELLI

venerdì, 21 Maggio 2021




Driade inaugura la nuova capsule collection: Black is the new Green

lunedì, 22 Febbraio 2021




Stefano Marazzato e il suo Ristorante Don Lisander nel cuore di Milano

,
martedì, 25 Maggio 2021




Il Direttore Andrea Colombini, ci parla di Lucca International Festival

,
martedì, 1 Giugno 2021




Il Mercato del Luxury Retailer per Avel Lenttan

,
mercoledì, 10 Giugno 2020







Scappare a NY evitando la quarantena si può, con American Airlines

venerdì, 2 Aprile 2021




L'unicità del Four Seasons di Firenze non ha paragoni al mondo

venerdì, 2 Aprile 2021




Gianfranco Semenzato, lo chef che da Milano gira intorno al mondo

,
martedì, 18 Maggio 2021