,

Arriva Maluma, il fenomeno che sconvolge le folle del mondo

Lisbona (dal nostro corrispondente Marco Marsili)

Sgombriamo subito il campo da eventuali equivoci: qui, la musica, non c’entra niente. Sì, perchè Maluma —al secolo Juan Luis Londoño Arias — è un fenomeno sociale; è il prodotto della generazione dei selfie e dei talent show televisivi. Il pubblico è lo stesso che circa 60 anni fa impazziva per i Beatles, e che successivamente ha pianto per i Duran Duran, con la differenza che questi, dopo 40 anni, sono ancora lì. Maluma, probabilmente, sarà un ricordo sbiadito, prima ancora l’usura consumi i reggiseni che le sue fans tirano sul palco. Poco male; il ragazzo funziona alla grande, nonostante l’inconsistenza della proposta musicale, e la staticità pari a quella di un bidone di benzina. Scordatevi le sfolgoranti esibizioni di Ricky Martin o di Enrique Iglesias: Maluma non suda.

La sensualidad di Maluma

Il colombiano è in carne, e ha una bella faccia, pulita, a tratti sorniona, accattivante; funziona sia con le figlie, che con le madri —l’Altice Arena di Lisbona è affollata di adolescenti sovrappeso e di milf con il volto segnato dalle rughe, e appesantito dal trucco. Il successo è un mix di musica , una coreografia a base di laser, video e vampate di fuoco —tutto ciò che Jean Michel Jarre, Kraftwerk, i Kiss e i loro emuli fanno da oltre 40 anni, e meglio —e una dozzina di ballerine in carne e un po’ agè. Il resto dello spettacolo, lo fa il pubblico ululante, composto per oltre il 90% da femmine di ogni età, in stato di sovreccitazione ormonale. Il Gruppo Chiado, ha portato Maluma a Lisbona, si frega le mani, facendo i conti: l’Altice Arena è gremita quasi in ogni ordine di posti, fatta eccezione per il costoso Golden Circle, quello che dà diritto a stare davanti al palco, entrando prima, ed evitando la calca vociante che si accalca dietro le transenne. Ma lui, Maluma, si ricorda anche delle meno ‘fortunate’; e così, a metà spettacolo, eccolo precipitarsi in mezzo all’Arena, e salire su una pedana, sulla quale invita un gruppo di fans in delirio. Il resto, è un crepitare di urla e sospiri di piacere per un’ora e mezza, tanto dura lo show.

Maluma in Italia

Il cantante di Medellínè sicuramente ‘tanta roba’, anche se è vestito come un dipendente Anas, con giubotto, pantaloni, cintura e scarpe giallo e arancio fluo, con tanto cdi catarifrangenti, manco fosse sulla Milano-Bologna in pieno inverno. Questo mix tra un tamarro sudamericano e un rapper afro-napoletano, sapientemente pompato dalla macchina promozionale della Sony, la stessa casa discografica di Ricky Martin e Julio Iglesias, probabilmente non sfonderà a latitudini più a nord, per l’inconsistenza dell’offerta musicale, ma funziona benissimo nei paesi del Mediterraneo, tant’è che il 1° luglio Maluma si esibirà all’Arena Fiera di Cagliari. Quest’estate, è sua; per la prossima, si vedrà.

Marco Marsili- Lisbona







Baccarat ha presentato a Miami "Crystal Clear" di Virgil Abloh

,
venerdì, 6 Dicembre 2019




La selezione di MFM per il World Coctkail Day 2020

mercoledì, 13 Maggio 2020







Come affrontare il periodo di crisi nel mercato del Fashion Luxury

lunedì, 30 Marzo 2020







BAGLIETTO presenta ABACO, il 40M firmato SANTA MARIA MAGNOLFI

lunedì, 4 Novembre 2019




Coccolati come a casa nei Fifty House Hotel a Milano

giovedì, 27 Febbraio 2020




I profumi emozionali dell'artista Meo Fusciuni

,
mercoledì, 5 Febbraio 2020