,

Giuliano Mazzuoli e il 10° compleanno del Manometro

Un compleanno da festeggiare in edizione limitata. Il Manometro di Giuliano Mazzuoli compie 10 anni: dal lancio nel marzo del 2015 ad oggi ha saputo mantenere intatte le sue caratteristiche di orologio di design che abbina la migliore tecnologia svizzera allo stile italiano. Solo 120 esemplari per ricordare i 12 mesi dell’anno e per rimarcare il valore unico di ogni singolo segnatempo.

La fama del Manometro è rimasta intatta, anzi è aumentata, col trascorrere del tempo. Oggi, dieci anni dopo, il segnatempo continua a farsi apprezzare per il suo stile e per la sua forma, quasi a diventare un simbolo, semplicemente il pezzo più iconico di Giuliano Mazzuoli. Il movimento è automatico, ETA 2824/2 per chi ama i dettagli tecnici, il quadrante è color avorio e le particolarità dell’edizione 10° anniversario sono la firma fresata sulla cassa, la numerazione sul quadrante e l’incisione sul fondello. Il cinturino in pelle di vitello è prodotto artigianalmente in Toscana, la casa della Maison.

Il cuore pulsante di Giuliano Mazzuoli è il Chianti, vicino Firenze. I prodotti incarnano il genio di tre generazioni, come a voler sottolineare un cammino instancabile che ha permesso all’azienda di raggiungere altissimi standard qualitativi. La creatività è l’emblema del Made in Italy e Giuliano Mazzuoli è in grado di plasmarla in oggetti che non solo catturano l’attenzione ma ne scandiscono il ritmo. Proprio come un perfetto cronografo di precisione.

www.giulianomazzuoli.it




Arriva dalle Marche la camiceria su misura per l'uomo esigente

lunedì, 13 Luglio 2020




Baccarat ha presentato a Miami "Crystal Clear" di Virgil Abloh

,
venerdì, 6 Dicembre 2019




Lo chef Stella Michelin Tano Simonato riapre a Milano

,
lunedì, 15 Giugno 2020




Max Papeschi a Roma con l'evento multimediale HIC SUNT LEONES

,
mercoledì, 15 Luglio 2020




Il Mercato del Luxury Retailer per Avel Lenttan

,
mercoledì, 10 Giugno 2020










Excelsior Palace Hotel a Rapallo, l'estate nel Golfo del Tigullio

,
giovedì, 16 Luglio 2020