Emanuele Bicocchi, i gioielli made in Italy che spopolano all’estero

Ha conquistato il cuore di star internazionali

Da Arezzo a Hollywood il passo è breve. Emanuele Bicocchi, classe 1983, crea gioielli che fanno impazzire sia le star del nostro Paese sia quelle di Hollywood. Ha già conquistato i cuori di Marracash, Laura Pausini, Francesco Renga, Luciano Ligabue, Skin e ora anche quello di Zayn Malik, ex componente degli One Direction, band che ha fatto strappare i capelli a migliaia di ragazzine in tutto il mondo, e attuale fidanzato della top model Gigi Hadid.

Arriva Ocean’s Eight

Il cantante è solito indossare pezzi storici e iconici del brand; ad esempio, per il cameo nel film Ocean’s Eight, in uscita nel 2018, ha scelto diversi gioielli dell’ultima collezione di Bicocchi, fra questi lo Stone Ring: si tratta di un anello in argento sterling, impreziosito da una pietra onice nera e quadrata.

L’ultima capsule di Bicocchi, come anche le precedenti, è costituita da gioielli di alta qualità e originalità: collane lunghe e così fluide da sembrare acqua che percorre il corpo, bracciali che disegnano linee sinuose intorno ai polsi e anelli simili a piccole opere d’arte. E poi ancora teschi e croci, tutti realizzati artigianalmente usando materiali che provengono da affidabilissimi fornitori 100% Made in Italy e ispirandosi all’immagine di un uomo forte e allo stesso tempo raffinato.

Disegnati e creati ad Arezzo, i gioielli firmati Emanuele Bicocchi sono distribuiti in tutto il mondo, nei più importanti multimarca e department store, dagli Usa alla Cina.

emanuelebicocchi.it

Emanuele Bicocchi

 




Federica Nargi firma una collezione di costumi supersexy

mercoledì, 14 febbraio 2018







Gianfranco Santero, 958 la creatività di un marchio italiano

,
sabato, 6 gennaio 2018










Due cuori e una fragranza. I profumi firmati da regalare a San Valentino

lunedì, 12 febbraio 2018




Mercedes-AMG S 63 4Matic+ e S 65 restyling e lusso da corsa

giovedì, 4 gennaio 2018







Tra finzione e realtà. Come districarsi? Risponde Andrea Fontana

mercoledì, 24 gennaio 2018