You First Pura Rinascita, esperienze sensoriali profumate

Non solo il piacere di scoprire un profumo, ma la completezza di immergersi in vere e proprie esperienze sensoriali. Da questo obiettivo nasce la linea You First Pura Rinascita, nuova realtà che si inserisce nell’arte della profumeria di nicchia per la persona e per l’ambiente.

Essenza Made in Italy

Sviluppato da due giovani imprenditrici, Stefania Cuzzeri e Paola Cereda, You First Pura Rinascita è interamente Made in Italy e si basa su un unico principio attivo, quello dell’ Helichrysum Italicum, un fiore ermafrodita dal colore giallo intenso che sboccia in primavera sugli scogli del Mediterraneo, dotato di straordinarie proprietà anti-age.

Su questo stesso principio attivo, You First Pura Rinascita propone tre inusuali profumazioni: Fig Poudrè (un accordo legno, foglia e frutto di fico, adagiato su un fondo ambrato-talcato), Velvet Woods (un’armonia di bacche, foglie e legni con un’inedita sorpresa mediterranea, l’oliva verde, unita alla potenza del cuoio), e Spices Bouquet (spezie addolcite dai legni chiari, pepe nero e rosa bilanciati dall’ incenso e avvolti dall’ambra, dal muschio e dal patchouli).

Esperienza sensoriale

Ogni profumazione è disponibile in 5 diversi prodotti, per un’esperienza sensoriale che coinvolge il corpo e l’ambiente. Per il corpo la linea comprende l’eau de parfum, racchiuso in uno scrigno prezioso da 100 ml per esaltarne la ricercatezza e l’eleganza, e la crema corpo, di facile assorbimento, anch’essa presentata in un packaging importante.

Ultimo nato in casa You First è l’accordo di foglia di pomodoro e fiori d’arancio, una eau fraiche che si distingue dall’eau de parfumper la formulazione ricca e al tempo stesso impalpabile e leggerissima, i cui ingredienti delicati, grazie a una concentrazione di molecole olfattive minore del 3%, idratano la pelle donando una sensazione rifrescante e lenitiva. Disponibile nel formato   100ml, l’eau fraiche per l’estate presenta un packaging bianco e verde, coerente con il resto della linea già esistente ma dalle tonalità più estive e leggere.

Home Fragrances

Per l’ambiente, You First ha creato la candela, prodotta da una cereria di tradizione centenaria e accompagnata da fiammiferi personalizzati, per una ricercatezza a tutto tondo, e la candela edizione luxury Fig Poudrè da un chilo e mezzo che dona profumo nell’ambiente per 150 ore, in un packaging di grande bellezza in vetro trasparente, con tappo in legno italiano decapato per conservarne l’aroma e fiammiferi personalizzati, lunghi e sottili. Completa la proposta per la casa il diffusore fragranze per l’ambiente Spices Bouquet, con l’inconfondibile accordo di pepe e spezie, 200 ml di essenza che i bianchi midollini di legni di bamboo artigianalmente trafilati in Italia diffondono in modo naturale e graduale, design elegante e raffinato, con il vaso in vetro e il tappo in legno bianco decapato. Fil rouge prezioso di tutta la linea è il nastro di velluto di seta, di produzione artigianale italiana, preso in prestito dal mondo dell’haute couture. Un dettaglio che dona raffinata semplicità, eleganza a tutta la linea. Non c’è Rinascita senza amore, passione e cura dei dettagli. Il nastro racchiude l’intreccio di rami, foglie e uccellini proprie della Rinascita, accompagnando con grazia ogni prodotto.

www. youfirst.eu/it




Pitti Uomo: in scena la 93esima edizione

, ,
giovedì, 11 gennaio 2018




FontanaArte premiata al Good Design Award 2017 

,
venerdì, 5 gennaio 2018




Capodanno glamour all’Officina di Milano tra jazz e show-cooking

,
sabato, 30 dicembre 2017




Cinecittà: l’Italia raccontata dalle immagini del cinema

,
giovedì, 28 dicembre 2017




Emanuele Bicocchi, i gioielli made in Italy che spopolano all’estero

venerdì, 22 dicembre 2017




Angelo Caroli genio e creatività Made in Italy

,
lunedì, 8 gennaio 2018




Mercedes-AMG S 63 4Matic+ e S 65 restyling e lusso da corsa

giovedì, 4 gennaio 2018




Snow Suite, dormire in una stanza di neve, come in una favola

domenica, 31 dicembre 2017




La ricetta della terra cruda di Matteo Brioni

,
mercoledì, 3 gennaio 2018